Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali e comparatistica

A. Peyroles, Roman et engagement. Le laboratoire des années 1930

Roberta Sapino
p. 203-204
Notizia bibliografica:

Aurore Peyroles, Roman et engagement. Le laboratoire des années 1930, Paris, Classiques Garnier, 2015, 667 pp. 

Testo integrale

1Parlare di letteratura engagée non è cosa facile. Una certa diffidenza accoglie i tentativi di avvicinare l’impegno politico alla creazione letteraria, segno di un malcelato timore che essa possa risultarne irrimediabilmente sminuita nel suo valore intrinseco. E così la parola engagement, osserva Aurore Peyroles citando Régine Robin, evoca troppo spesso l’idea di un’«esthétique impossible», un impoverimento stilistico volontario in cui l’espressione è subordinata all’intenzione. In questo contesto si situa la ricerca condotta da Aurore Peyroles nell’ambito di una tesi dottorale in letterature comparate, che prende ora la forma di un corposo, articolato volume. Lo scopo è ambizioso: favorire un rinnovamento critico e teorico che porti a superare la diffidenza, contribuendo a inscrivere la questione dell’engagement all’interno, e non a margine, dell’analisi letteraria. Si tratta allora di considerare l’impegno politico non più come una condizione esterna all’opera letteraria, ma come un elemento romanzesco in sé. Per meglio cogliere le specificità del roman engagé in quanto genere, Peyroles si concentra su un corpus composto da November 1918 di Alfred Döblin, USA di John Dos Passos e Le Monde réel di Louis Aragon, affrontando i testi in ottica comparativa («Introduction», pp. 11-55).

2Pur condotta su un piano essenzialmente letterario, una ricerca simile non può che fondarsi su un’analisi storica accurata: ogni forma di engagement nasce, sottolinea Aurore Peyroles, come risposta (favorevole o contraria) a una situazione. La prima parte del volume, intitolata «Écrire pour? Situation, réaction, révélation» (pp. 59-290), ricostruisce minuziosamente il complesso quadro storico degli anni Trenta in Europa e negli Stati Uniti, per mettere in luce come la scrittura nasca, per i tre autori, da una presa di coscienza profonda delle tensioni, più o meno esplicite, che minacciano il loro paese, dalla volontà di comprenderne i meccanismi presenti e passati, dal bisogno di dimostrarne la violenza. La volontà di denuncia non si accompagna però, osserva l’Autrice, a una fede cieca nelle possibilità di azione né alla proposta di esempi virtuosi: il dubbio pervade i romanzi presi in analisi, la cui posizione si situa contro uno stato di cose più che in favore di un’alternativa specifica.

3La seconda sezione si sviluppa allora intorno alla domanda: contro cosa scrivono Aragon, Döblin, Dos Passos? Due preoccupazioni sembrano prevalere nel romanzo impegnato degli anni Trenta: i fenomeni di espropriazione e perversione della lingua nazionale operati da quello che è identificato come il campo avversario, e il moltiplicarsi di narrazioni menzognere, di finzioni che tuttavia acquisiscono lo statuto di verità. Una riconfigurazione non solo delle rappresentazioni politiche, ma anche e soprattutto delle pratiche narrative, appare quindi come base imprescindibile per l’impresa demistificatrice dello scrittore engagé («Écrire contre. Contestation, reconfiguration, contre-scénarisation», pp. 293-498).

4Il romanzo impegnato degli anni Trenta, osserva Aurore Peyroles nella terza parte del volume, si distingue da quello del decennio precedente per la sua inclinazione a sollecitare profondamente l’attenzione del lettore, la sua capacità di tessere relazioni tra elementi sparsi per ricostruire trame e problemi. Pur non lasciando spazio a fraintendimenti quanto alla sua interpretazione complessiva, il testo richiede quindi al lettore uno sforzo critico importante: ciò che cerca lo scrittore engagé non è l’adesione passiva a una serie di contenuti, ma la costruzione di uno sguardo critico sul mondo e le sue narrazioni («Écrire avec. Implication, investigation, expérimentation», pp. 501-619).

5Ben prima che l’engagement letterario trovasse una sua teorizzazione, scrittori come Aragon, Dos Passos e Döblin hanno contribuito a fare degli anni Trenta un vero e proprio laboratorio letterario e politico. Ed è proprio sul termine “laboratorio” che si sofferma Aurore Peyroles nella «Conclusion générale» (pp. 621-632). Spinti da una situazione socio-politica giudicata inaccettabile, gli scrittori engagés hanno ridefinito le pratiche e le ambizioni del genere romanzesco, trovando nel testo stesso uno spazio privilegiato non solo per l’osservazione dei fenomeni in atto, ma anche per l’elaborazione di risorse linguistiche e narrative capaci di contrastare quelle messe in campo dal potere dominante. Sollecitando direttamente lo spirito critico del lettore, osserva infine Aurore Peyroles, questi autori hanno saputo costruire spazi testuali aperti alla sperimentazione e al distanziamento critico, la cui lettura si basa su un contratto che non pare molto diverso, sul piano politico, da quello su cui si fonda la democrazia autentica.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Roberta Sapino, « A. Peyroles, Roman et engagement. Le laboratoire des années 1930 », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 203-204.

Notizia bibliografica digitale

Roberta Sapino, « A. Peyroles, Roman et engagement. Le laboratoire des années 1930 », Studi Francesi [Online], 181 (LXI | I) | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 19 novembre 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/6970

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org