Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

M. Mathias, Sand, Flaubert, Cuvier: writing time and nature

Damiano De Pieri
p. 172
Notizia bibliografica:

Manon Mathias, Sand, Flaubert, Cuvier: writing time and nature, «French Studies» 4, volume LXX, pp. 519-534.

Testo integrale

1L’intenso e singolare rapporto tra George Sand e Gustave Flaubert in cui l’amicizia ha spesso sormontato divergenze ideologiche e letterarie anche profonde, è una pagina di grande interesse per completare la storia di queste due figure. L’A. si propone di indagarlo attraverso una prospettiva piuttosto originale quale l’influenza subita dai due scrittori dalla teoria delle catastrofi formulata dal biologo francese Georges Cuvier, le cui idee erano piuttosto diffuse e volgarizzate già nella prima metà del xix secolo.

2Questa teoria, che concepisce la storia naturale della terra come un processo irregolare scandito da eventi catastrofici, sarebbe riflessa nella concezione della storia e del tempo di Flaubert: una storia non lineare e teleologica ma circolare e decisa da “cataclismi” come ad esempio le rivoluzioni. Alla stregua di Flaubert anche George Sand avrebbe subìto l’influenza del paradigma geologico di Cuvier per la rappresentazione della storia ma, contrariamente a Flaubert, lo utilizza in maniera diametralmente opposta. La teoria delle catastrofi è infatti usata come metafora per descrivere una dinamica conflittuale ma progressiva della storia sociale.

3A sostegno di questa influenza, Mathias mette in evidenza l’utilizzo da parte dei due scrittori di immagini metaforiche derivate dalla teoria geologica e dalla terminologia a essa associata per descrivere gli eventi umani (collettivi e politici, individuali e personali) rappresentati in alcuni passaggi dell’Éducation sentimentale, di Bouvard et Pécuchet e di Jean de La Roche.

4La dialettica che oppone un utilizzo diverso della stessa teoria di Cuvier come specchio delle ben note divergenze politiche e filosofiche sembra però risolversi nell’ampia riflessione sulla storia dell’uomo in rapporto a quella della terra che accomuna Flaubert e George Sand. Nella parte finale del saggio l’A. cerca infatti di mostrare, attraverso dei legami e una logica non sempre chiari, che la consapevolezza di un’esistenza storica dell’essere umano infinitamente minore a quella della Terra e la fascinazione per una scienza ancora intrisa di dubbi e domande sia per i due autori il trampolino per una riflessione sulla dimensione infinita, astratta, misteriosa e a tratti spirituale della realtà.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Damiano De Pieri, « M. Mathias, Sand, Flaubert, Cuvier: writing time and nature », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 172.

Notizia bibliografica digitale

Damiano De Pieri, « M. Mathias, Sand, Flaubert, Cuvier: writing time and nature », Studi Francesi [Online], 181 (LXI | I) | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 23 settembre 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/6906

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org