Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Andrea Schincariol, Le Dispositif photographique chez Maupassant, Zola et Céard. Chambres noirs du nauralisme

Agnese Silvestri
p. 622-623
Notizia bibliografica:

Andrea Schincariol, Le Dispositif photographique chez Maupassant, Zola et Céard. Chambres noirs du nauralisme, Paris, L’Harmattan, 2014, pp.192.

Testo integrale

1La ricerca di A. Schincariol, il cui merito scientifico è stato premiato dalla Società Universitaria di Studi Linguistici e Letterari Francesi, s’inserisce nel panorama di studi che, in particolare negli ultimi quindici anni, interroga la complessità dei rapporti tra fotografia e creazione letteraria realista-naturalista. Tenendo conto dell’insieme degli studi «photolittéraires» di cui dà conto nell’Introduzione, armato in particolare degli strumenti metodologici elaborati da Philippe Ortel e dalla «école de Toulouse» (la «critique des dispositifs»), Schincariol si prefigge di «vérifier si le modèle photographique opère une configuration (ou une re-configuration, ou une -configuration) du texte en évitant, autant que possible, les dérives métaphoriques de l’analyse» (p. 14). Queste ultime sono, in effetti, una grande tentazione e un rischio reale per tale genere di studi, che non sempre Schincariol, pur nella finezza delle sue analisi, riesce ad eludere.

2I terreni d’indagine testuale, cui l’autore dedica un capitolo ciascuno, sono Le Horla di Maupassant, Nana di Zola, Une belle journée e Terrains à vendre di Céard. Nel primo capitolo, Schincariol intende dimostrare come la trasformazione fantastica della carta da visita in specchio, e la sua relazione con la fotografia del protagonista, dia luogo a una «déréalisation photographique» (p. 37) del soggetto. Nel secondo, come il testo zoliano inteso quale «appareil scopique», intrattenga stretti rapporti con il modello fotografico (in particolare con l’intermittenza ottica, la proiezione delle immagini nella «camera oscura», la fotografia stereoscopica). Nel terzo, infine, l’autore sottolinea come Céard, complice la nozione tecnica di «aberration photographique», mini dall’interno il modello naturalista e apra un’interrogazione sulla realtà stessa, nonché sulle nostre possibilità di coglierla e rappresentarla.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Agnese Silvestri, « Andrea Schincariol, Le Dispositif photographique chez Maupassant, Zola et Céard. Chambres noirs du nauralisme », Studi Francesi, 177 (LIX | III) | 2015, 622-623.

Notizia bibliografica digitale

Agnese Silvestri, « Andrea Schincariol, Le Dispositif photographique chez Maupassant, Zola et Céard. Chambres noirs du nauralisme », Studi Francesi [Online], 177 (LIX | III) | 2015, online dal 01 dicembre 2015, consultato il 21 agosto 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/1428

Torna su

Autore

Agnese Silvestri

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org