Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Lettres de noblesse II. L’imaginaire nobiliaire dans la littérature française du XX siècle, D. Martens (éd.)

Stefano Genetti
p. 185
Notizia bibliografica:

Lettres de noblesse II. L’imaginaire nobiliaire dans la littérature française du xxe siècle, sous la direction de David Martens, Paris, Lettres Modernes Minard, 2016, «Carrefour des lettres modernes» 2, 216 pp.

Testo integrale

1Si prolunga in questo volume l’esplorazione condotta sul xix secolo (si veda, nel presente fascicolo, la rassegna sul secondo Ottocento) e riguardante la nobiltà intesa come classe sociale e come «sociogramme» (per riprendere il termine utilizzato negli anni Settanta da Claude Duchet, citato a p. 10 e a p. 198), vale a dire come insieme di ideali – autonomia, lealtà, coraggio, onore – e di atteggiamenti – fierezza dettata da un’eredità culturale ancestrale, genealogico senso di superiorità, pervaso tuttavia dal fantasma del declino – che strutturano tutto un immaginario. Quest’ultimo rimane operativo anche una volta che l’influenza dell’aristocrazia sulla cosa pubblica è venuta progressivamente meno. Lo sottolinea il curatore mentre, nello scritto introduttivo (pp. 7-15), passa utilmente in rassegna gli studi sul tema in una prospettiva storico-culturale, soffermandosi ad esempio sul periodo di crisi tra le due guerre mondiali, segnato dalla fondazione, nel 1932, dell’Association d’Entraide de la Noblesse Française in quanto «lieu de mémoire» nazional-aristocratico (p. 9), ed evocando l’interesse per la storia della nobiltà francese attestato dalle ricerche di Bloch e Febvre e riemerso in occasione del bicentenario della Rivoluzione.

2Nelle pagine conclusive – La noblesse dans les lettres II. Une face cachée de la modernité littéraire (pp. 193-202): una faccia nascosta, forse rimossa –, D. Martens rintraccia motivi ricorrenti e linee evolutive all’interno di una raccolta di saggi di cui non nasconde la diversità. Sul piano diacronico, si parte dall’esotismo Belle Époque, con Paul-André Claudel, “Ex Oriente lux”? Aristocratisme et snobisme chez les derniers voyageurs en Orient (1900-1930) (pp. 17-30, su, tra gli altri, Pierre Loti, la discendente di Lamartine Valentine de Saint-Point e Roland Dorgelès) e si arriva al discusso romanzo Jan Karski, del 2009, con Myriam Watthee-Delmotte, La noblesse de l’écrivain, une ligne de risque. Qui dit “je” dans l’œuvre de Yannick Haenel? (pp. 179-192). In Haenel, si vena di programmatico dandismo – «faire œuvre de sa vie» (p. 191) – la nobiltà d’animo già eretta a modello assiologico e associata alla funzione del letterato negli scritti politici di Bernanos (Michael Kohlhauer, Valeurs de la noblesse littéraire chez Georges Bernanos, pp. 57-76). Accanto ad autori molto frequentati – tra gli aristocratici di nascita, Montherlant, che della sua classe di appartenenza restituisce un’immagine ambivalente, a un tempo altera e ironica (Marie Sorel, Henry de Montherlant ou le revers du blason, pp. 43-56) – figurano scrittori meno noti: Robert Reus, pseudonimo di Voltaire Deronne (1909-1988), di origini operaie e attivo dall’immediato secondo dopoguerra, per il quale la raffigurazione del nobile diventa, nell’interpretazione psicobiografica che ne fornisce Emmanuel Deronne, un mezzo di riscatto socio-identitario (“L’aristo” ou l’étrange noblesse du romancier Robert Reus et de ses avatars, pp. 125-146); oppure Serge Delems, pseudonimo di Yves de Verdilhac (1912-1998), creatore del personaggio del Prince Éric e direttore della collana di romanzi scout «Signes de piste» (Laurent Déom, De quoi Serge Delems est-il le nom? L’écriture de la noblesse comme quête identitaire, pp. 91-104).

3Sulla dialettica di nome e pseudonimo sfocia anche il ritratto di Saint-John Perse, prince par l’absurde (pp. 31-42) disegnato da May Chehab sullo sfondo di una superominica identificazione di vita e opera e, più in generale, dell’influsso esercitato dal pensiero nietzschiano, influsso che fa da filo conduttore anche in Olivier Odaert, La haute noblesse. Poétique de la valeur de Nietzsche à Saint-Exupéry (pp. 77-90). Un po’ come Montherlant, Albert Cohen gioca sulla tensione tra la posture aristocratica che contraddistingue la propria immagine pubblica e l’ironica «comédie de la noblesse» (p. 151) rappresentata in Belle du Seigneur (Christophe Meurée, «Tout cela est si noble que j’en crève», Albert Cohen, pp. 147-163). È il culto della lingua classica e di forme letterarie tipiche dell’Ancien Régime a guidare l’inatteso parallelo proposto da Sylvain David in La morgue du crépuscule. Cioran et Guy Debord (pp. 165-178): nei testi più tardi di ambedue, la malinconia dovuta al senso di “decomposizione” della modernità cederebbe il passo a un elitario e feroce mépris.

4Tra passatismo e attualizzazione, tra nostalgiche «arrière-gardes» (formula di William Marx, citata a p. 202) e riattivazioni contrastanti, l’aura di cui una visione essenzialista circonda la nobiltà non cessa di sprigionare un fascino durevole, nemmeno quando si assiste a un’inversione ideologica delle tendenze conservatrici assimilabili all’immaginario aristocratico. È il caso dell’eroica celebrazione della rivoluzione proletaria commentata da Michel Bertrand in «Toutes les bergères seront des reines». Roger Vailland prosélyte d’une authentique aristocratie populaire (pp. 105-123).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Lettres de noblesse II. L’imaginaire nobiliaire dans la littérature française du XX siècle, D. Martens (éd.) », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 185.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Lettres de noblesse II. L’imaginaire nobiliaire dans la littérature française du XX siècle, D. Martens (éd.) », Studi Francesi [Online], 181 (LXI | I) | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 22 settembre 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/6942

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org