Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

È. Bloch-Dano, L’amore nel giardino (Balzac, Stendhal, Flaubert, Hugo, Zola)

Marco Stupazzoni
p. 163
Notizia bibliografica:

Évelyne Bloch-Dano, L’amore nel giardino (Balzac, Stendhal, Flaubert, Hugo, Zola), in Giardini di carta. Da Rousseau a Modiano, Torino, add editore, 2015, pp. 102-120.

Testo integrale

1Prodotto dell’immaginario, il tema del giardino rappresenta una dimensione essenziale in alcune opere narrative dell’Ottocento francese. Ispirata, per buona parte, a Rousseau, la letteratura romanzesca francese del xix secolo (da Balzac e Stendhal a Flaubert, Hugo e Zola) ha evocato e sviluppato la tematica del giardino come riflesso antropologico, storico, estetico e simbolico della società e degli individui. Da questo punto di vista, il romanticismo, ma non solo, «fa del giardino un elemento imprescindibile del romanzo» (p. 102) e connota il paesaggio come elemento centrale e costitutivo dell’economia stessa del racconto. Si consideri, ad esempio, Le Lys dans la vallée di Balzac, dove la topografia del giardino, la ricchezza del lessico dei fiori sono strettamente connessi alla rappresentazione del sentimento passionale e della donna amata. Gli spazi sacri di Clochegourde e della valle dell’Indre consentono a Balzac di «inquadrare il racconto e la posizione dei personaggi l’uno rispetto all’altro» (p. 107) e di fondare l’intero romanzo «sui segni di un linguaggio intimo che affida alla natura, e talvolta al silenzio, il compito di esprimere ciò che non può essere detto: il desiderio» (p. 108). Pubblicato sei anni dopo Le Rouge et le Noir (1830), Le Lys dans la vallée orchestra il tema del giardino rivalutando lo stereotipo dell’idillio romantico che Stendhal aveva sovvertito descrivendo la storia d’amore tra Julien Sorel e Madame de Rênal. In Balzac (Le Lys dans la vallée e Eugénie Grandet), come sarà per Flaubert in Madame Bovary, il giardino determina il senso stesso dell’opera, inserendosi nella progressione drammatica e psicologica dell’azione: interno e, al contempo, esterno alla casa, il giardino svolge la funzione di specchio e finisce per incarnare e fissare «la pluralità dei significati del romanzo, unendoli in una tragica immagine di solitudine» (p. 114).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « È. Bloch-Dano, L’amore nel giardino (Balzac, Stendhal, Flaubert, Hugo, Zola) », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 163.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « È. Bloch-Dano, L’amore nel giardino (Balzac, Stendhal, Flaubert, Hugo, Zola) », Studi Francesi [Online], 181 (LXI | I) | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 20 novembre 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/6877

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org