Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

L. Germano, “La Comédie humaine” a tavola. A pranzo con Honoré de Balzac

Marco Stupazzoni
p. 162-163
Notizia bibliografica:

Lorena Germano, “La Comédie humaine” a tavola. A pranzo con Honoré de Balzac, Torino, Il Leone verde, 2015, «Leggere è un gusto! Percorsi tra cucina, letteratura e…», 138 pp.

Testo integrale

1Nel secolo d’oro della gastronomia e della critica gastronomica quale è stato, in Francia, l’Ottocento, la Comédie humaine di Balzac rappresenta un documento storico-letterario rilevante per comprendere in quale misura il cibo evidenzi le differenze ambientali e caratteriali di un’epoca applicate al sistema dei personaggi. In questo interessante lavoro di Lorena Germano, l’A. si addentra nel vasto e multiforme panorama gastronomico dell’opera balzachiana esaminando nel dettaglio le differenti e specifiche declinazioni di cui è oggetto il cibo nella Comédie humaine. L’analisi degli alimenti e dei piatti come protagonisti delle sezioni e delle scene della Comédie consente di apprezzare il valore del cibo come «strumento letterario» (p. 13), il quale, di volta in volta, assume funzioni ed implicazioni realistiche e descrittive diverse: una funzione psicologica nelle Scènes de la vie privée; una funzione di denuncia nelle Scènes de la vie politique; una funzione metaforica nelle Études philosophiques. Se nei romanzi che formano il ciclo delle Études de mœurs, Balzac utilizza il cibo come mezzo attraverso il quale è possibile «risalire alle caratteristiche dei singoli personaggi, alla loro classe sociale», ai vizî, alle virtù e alle passioni che li caratterizzano, nelle Études philosophiques, al contrario, la ricchezza delle portate e l’abbondanza delle vivande sottolineano la povertà interiore dei protagonisti. Un caso a parte è costituito dalla Physiologie du mariage, l’unico testo preso in esame dall’A. per quanto concerne le Études analytiques. In quest’opera, il cosiddetto «cibo analitico» si riferisce a una ristretta cerchia della società, vale a dire la classe femminile, blasonata ma ridicolizzata dallo scrittore. Qui, sesso e cibo si intersecano, diventando uno la metafora dell’altro e il cibo, osserva l’A., «non è mai una necessità, bensì il capriccio delle classi sociali più elevate» (p. 57).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « L. Germano, “La Comédie humaine” a tavola. A pranzo con Honoré de Balzac », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 162-163.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « L. Germano, “La Comédie humaine” a tavola. A pranzo con Honoré de Balzac », Studi Francesi [Online], 181 (LXI | I) | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 17 novembre 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/6875

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org