Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Correspondance de Madame de Graffigny, Volume 15, D.W. Smith et al. (eds.)

Vittorio Fortunati
p. 151
Notizia bibliografica:

Correspondance de Madame de Graffigny, Volume 15, 1er janvier 1756 - 10 novembre 1759, Lettres 2304-2518, eds. D.W. Smith et al., Oxford, Voltaire Foundation, 2016, xliii+465 pp.

Testo integrale

1È giunta da poco a compimento la monumentale edizione della corrispondenza completa di Françoise d’Happoncourt de Graffigny, iniziata nel 1985 da J. Alan Dainard, che l’ha diretta fino alla propria scomparsa, avvenuta nel 2014. Questo tomo, quindicesimo e ultimo della serie, è dedicato alla sua memoria. Gli ultimi anni di vita dell’autrice furono assai travagliati e furono caratterizzati da ansie, delusioni e amarezze di vario genere. In quel periodo ebbe inizio la guerra dei Sette Anni, a cui parteciparono diversi amici della scrittrice, che seguì con preoccupazione le loro vicende. Tra gli autori appartenenti al suo entourage, alcuni attraversarono momenti difficili: Diderot, per esempio, si vide sospendere il privilège dell’Encyclopédie e la Comédie Française rifiutò di mettere in scena Le Fils naturel; Helvétius rischiò che lo scandalo suscitato dalla pubblicazione di De l’Esprit avesse per lui gravi conseguenze, anche penali. Quanto a Madame de Graffigny, la messa in scena, nel 1758, della sua ultima commedia, La Fille d’Aristide, si risolse in un fiasco senza appello, che non contribuì a risanare le dissestate finanze dell’autrice. A tutto ciò si aggiunsero i gravi problemi di salute, principalmente di natura polmonare e circolatoria, che la portarono alla morte nel dicembre dello stesso anno. L’ultima lettera contiene uno struggente addio all’amico di una vita, François-Antoine Devaux (chiamato affettuosamente Panpan): «Bonjour, je t’embrasse tant que je puis» (p. 349).

2Il volume riporta anche alcune lettere scritte e ricevute da Devaux nei mesi appena successivi alla morte di Madame de Graffigny, oltre a nove missive ancora inedite e a quattro importanti documenti: il contratto di matrimonio della scrittrice, l’atto di fidanzamento, l’atto di matrimonio e il testamento. Come negli altri tomi dell’opera, il periodo preso in considerazione è descritto dall’introduzione (pp. xvii-xxiv) e da un lungo e dettagliato Résumé chronologique (pp. xxv-xliii). La fama di Madame de Graffigny è dovuta soprattutto alle Lettres d’une Péruvienne (1747), romanzo epistolare in cui le tematiche sentimentali si fondono con la critica della società francese. D’altra parte, una corrispondenza che vede fra i destinatari alcuni dei nomi più celebri della cultura francese settecentesca (oltre a quelli citati, ricordiamo Rousseau, Marivaux, Prévost, Crébillon) non può che suscitare un vivo interesse fra gli studiosi e i cultori del secolo dei Lumi.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Vittorio Fortunati, « Correspondance de Madame de Graffigny, Volume 15, D.W. Smith et al. (eds.) », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 151.

Notizia bibliografica digitale

Vittorio Fortunati, « Correspondance de Madame de Graffigny, Volume 15, D.W. Smith et al. (eds.) », Studi Francesi [Online], 181 (LXI | I) | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 17 novembre 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/6846

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org