Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

N. Dauvois, Prosopopées, apostrophes et fiction de personne dans Les Amours. Énonciation et effets pathétiques

Filippo Fassina
p. 142-143
Notizia bibliografica:

Nathalie Dauvois, Prosopopées, apostrophes et fiction de personne dans “Les Amours”. Énonciation et effets pathétiques, «Le Verger», Bouquet IX (février 2016), 13 pp.

Testo integrale

1La raccolta delle Amours di Ronsard del 1553 non ha come unica dedicataria la donna amata, ma contiene riferimenti ad altri personaggi fittizi, richiamati attraverso l’artificio retorico dell’apostrophe. Su questo fenomeno si concentra il presente studio, che ne repertoria numerosi esempi. In primo luogo, Ronsard gioca sull’ambiguità del nome di Cassandra che viene evocato anche attraverso l’apostrofe al personaggio mitologico e come personificazione (o meglio prosopopea) della poesia epica. Cassandra diviene così il trait d’union fra la poesia lirica e quella epica, opposizione evocata spesso da Ronsard e rafforzata dal fatto che, come ha ben evidenziato l’A., contemporaneamente alle Amours viene scritto anche il poema epico la Franciade. La prosopopea, secondo le indicazioni fornite già da Quintiliano, non ha soltanto la finalità di accrescere la varietas di un testo, ma anche quella di creare effetti patetici: Ronsard raggiunge in alcuni componimenti tali effetti proprio grazie all’utilizzo dello stile epico, seguendo in primo luogo il modello di Virgilio. Questa contaminazione del genere lirico con quello epico si ritrova anche in altre opere di Ronsard, come le Odes, di poco antecedenti alle Amours: tale genere è infatti considerato, già a partire dall’antichità, un genere misto, in cui si alternano (come nei poemi epici) diverse tipologie di discorsi e di personaggi. Riprendendo questo modello, Ronsard utilizza l’apostrofe per inserire nelle proprie odi vari soggetti, tra cui fiumi personificati, eroi e divinità. In questo contributo viene analizzato anche il dédoublement dell’autore che, nella poesia lirica amorosa, si sdoppia (secondo uno schema già riportato da Minturno) in ‘io’ narrante e ‘io’ personaggio. Ronsard anche all’interno di questo sdoppiamento inserisce il meccanismo dell’apostrofe e della prosopopea, creando un gioco di fictionnalisation della parola: «de cet échec même de la parole, d’autant plus pathétique qu’elle est vaine, naît sa dispersion et la multiplication des interlocuteurs que convoque le texte» (p. 8). Secondo l’A., apostrofe e prosopopea permettono dunque di attualizzare la fiction épique attraverso una serie di artifici retorici, tra i quali hanno un ampio spazio la correzione, la negazione e la comparazione. Quest’ultima, in particolare, permette di rappresentare la bellezza dell’amata e la passione dell’amante con riferimenti al mito, accrescendone l’efficacia persuasiva e la varietà dei registri. Ronsard sembra dunque utilizzare questo régime mixte di lirica ed epica con la finalità di «mettre en œuvre tous les ressorts du pathétique, pour inventer une poétique des effets proprement lyriques qui rivalise avec la force des discours pathétiques de l’épopée virgilienne» (p. 12). Il percorso tracciato dall’A. permette di ricostruire i legami di intertestualità all’interno della raccolta di Ronsard, ma anche le relazioni del soggetto poetico con i differenti destinatari, reali o fittizi, che trovano nel personaggio di Cassandra la sintesi suprema.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « N. Dauvois, Prosopopées, apostrophes et fiction de personne dans Les Amours. Énonciation et effets pathétiques », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 142-143.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « N. Dauvois, Prosopopées, apostrophes et fiction de personne dans Les Amours. Énonciation et effets pathétiques », Studi Francesi [Online], 181 (LXI | I) | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 20 novembre 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/6802

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org