Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

R. Poirier, Le chiffre de lamour. Singularité et quantité de létat amoureux dans Les Amours de 1553

Filippo Fassina
p. 142
Notizia bibliografica:

Rémi Poirier, Le chiffre de l’amour. Singularité et quantité de l’état amoureux dans “Les Amours” de 1553, «Le Verger», Bouquet IX (février 2016), 20 pp.

Testo integrale

1Il presente studio ha come finalità quella di sottolineare come l’opera ronsardiana si basi su ricorrenze frequenti legate ai numeri e su un «goût de la déclinaison, de la liste, de la variation inépuisable des comparants» (p. 1). Non potendo definire la totalità dell’esperienza amorosa, la raccolta diventa uno strumento quantitativo (attraverso i rapporti continui fra i vari elementi) per offrire una visione qualitativa dell’amore. I rapporti numerici sono codificati e rimandano a una simbologia complessa, tanto che il soggetto lirico si pone all’interno di una «forêt de nombres où la logique devient déroutante». L’A. ripercorre, a partire da queste considerazioni, una breve storia della poesia amorosa, al fine di dimostrare come vari poeti classici e moderni utilizzino una simbologia numerica per associarlo a sentimenti, la cui forza sembrerebbe impossibile da esprimere a parole. Partendo da Catullo, che tenta di circoscrivere l’intensità amorosa proprio grazie alla numerazione, si giunge a Petrarca, per il quale l’evocazione dell’amore per Laura è espressa grazie al dénombrement amoureux. L’A. termina con i poeti francesi della Pléiade, nei quali si notano riferimenti continui a ciò che egli definisce “poesia del numero”. Nelle Amours in particolare, Ronsard sembra insistere sul linguaggio per rendere l’unicità e la singolarità dell’esperienza amorosa: in una prospettiva neoplatonica, essa è furor che porta alla fusione dei due amanti, fusione in cui la pluralità è abbandonata a favore dell’unità, tanto che l’amata sembra perdere le connotazioni di genere per riconfigurarsi e connotarsi ambiguamente. Cassandra diventa contemporaneamente Venere e Adone e smarrisce il suo carattere umano per trasformarsi in desiderio. La forza dell’amore tende quindi ad annullare la pluralità. Essa rende i due amanti un unicum. In modo analogo, per quanto concerne la tipologia dell’esperienza amorosa, Ronsard concepisce il rapporto amata-amante come un absolu che sfugge a ogni caratterizzazione logica o matematica, divenendo un’aporia nella quale si annullano la percezione di se stessi e dell’altro. La descrizione della donna avviene per il tramite di indicazioni numeriche che assumono valore simbolico, come se la celebrazione amorosa dovesse essere costruita in prospettiva quantitativa. I particolari del corpo di Cassandra, declinati ora al singolare ora al plurale, sono enumerati in maniera dettagliata, con un gusto per l’enumerazione tipico della poesia petrarchista. In conclusione, questo studio evidenzia come in tutta l’opera di Ronsard emergano due spinte opposte e apparentemente contraddittorie: da un lato, la necessità continua di «ancrer le texte poétique dans une réalité observable, ou du moins concevable» (p. 17), proprio grazie ai riferimenti numerici e al gusto per l’elenco e per i dettagli; dall’altro, la consapevolezza che l’esperienza amorosa è un «ébranlement de l’ordre du monde» (p. 17), che oscilla tra caos e tendenza all’unità e che spesso comporta anche la perdita della propria identità.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « R. Poirier, Le chiffre de lamour. Singularité et quantité de létat amoureux dans Les Amours de 1553 », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 142.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « R. Poirier, Le chiffre de lamour. Singularité et quantité de létat amoureux dans Les Amours de 1553 », Studi Francesi [Online], 181 (LXI | I) | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 25 luglio 2017. URL : http://studifrancesi.revues.org/6800

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org